, Columnist

Il workshop Boeing per le Pmi italiane

Dal 10 al 12 ottobre scorsi, Boeing ha organizzato a Roma il primo workshop “Italy bid training”, appuntamento ideato per far conoscere alle piccole e medie imprese italiane i valori e i criteri della selezione e del processo d’offerta per diventare fornitore di Boeing. Oltre venti le Pmi che hanno aderito all’iniziativa, provenienti da tutte le regioni italiane. In particolare, le imprese coinvolte hanno seguito un percorso completo, con un approccio dettagliato alla redazione di offerte efficaci, comprese esercitazioni di sviluppo di un’offerta concreta. I partecipanti hanno svolto sessioni teoriche mirate ad approfondire le tematiche proposte dal workshop sullo sviluppo delle strategie per la proposta d’offerta, oltre a esercizi di gruppo sulla pianificazione e presentazione di tali proposte, ricevendo delle analisi approfondite da relatori specializzati sui criteri usati da Boeing per le selezioni. Il workshop fa seguito a un accordo, stipulato a maggio di quest’anno, tra il costruttore americano e Sace (CDP Group), per supportare le esportazioni aerospaziali italiane attraverso il finanziamento della consegna di nuovi aerei. “La ricchezza del comparto nazionale è costituita non solo dai grandi gruppi italiani, ma anche da tante piccole e medie imprese. Pmi che continuano a sviluppare capacità e specializzazioni per affrontare con successo la concorrenza globale”, ha sottolineato il presidente di Boeing Italia e sud Europa Antonio De Palmas. “Dopo l’accordo con Sace, Boeing continua nel suo impegno per identificare e includere queste capacità nel proprio sistema produttivo e rafforzare le sinergie con l’Italia”, ha aggiunto. Presente in Italia da oltre 65 anni, Boeing ha circa 150 dipendenti nel nostro Paese. A testimonianza della stima per la qualità del brand Made in Italy, negli ultimi due anni Boeing ha acquistato circa 2,5 miliardi di dollari in beni e servizi da oltre 25 aziende italiane. In particolare, la divisione Aerostrutture di Leonardo costruisce alcune sezioni importanti della fusoliera del 787 a Grottaglie e lo stabilizzatore orizzontale a Foggia. Nelle sue tre versioni (787-8, -9, -10), il Dreamliner può trasportare da 210 a 330 passeggeri e volare per un massimo di 7mila miglia nautiche (12.964 km). Boeing lavora con l’Italia anche nel campo della difesa. La partnership con la divisione Elicotteri di Leonardo sta portando avanti il progetto di realizzazione degli elicotteri Chinook CH-47F, in linea con l’Esercito italiano.