, In Evidenza, Slider

Il Reparto Sperimentale Volo (Rsv) ha completato la sperimentazione sul sistema di rifornimento in volo ad asta rigida “boom” del velivolo KC-767A per la certificazione del velivolo Nato NE-3A Awacs. Il Reparto è stato coinvolto in veste di leader nell’ambito di un team di progetto, composto dal personale di volo e di terra del 14° Stormo, della Direction Générale de l’Armement (Dga) Essais en Vol e della Naew&c Programme Management Agency (Napma). Attraverso un’approfondita analisi ingegneristica preliminare è stato possibile determinare le condizioni di quota, velocità e configurazione da testare, permettendo una forte riduzione delle ore di volo necessarie a completare la successiva attività di sperimentazione. L’attività di prova, effettuata dal 3 al 9 giugno per un totale di circa 25 ore di “flight test”, ha avuto l’obiettivo di verificare le qualità di volo del velivolo receiver NE-3A e di controllare l’adeguatezza delle performance impiantistiche dell’accoppiamento Tanker-Receiver. In totale, sono stati effettuati circa 45 contatti, per un totale di circa 185.000 libbre di carburante ceduto in volo.
A seguito della positiva conclusione dell’attività sperimentale, saranno autorizzate in modo permanente le operazioni di rifornimento in volo diurno e notturno in tutto l’inviluppo di rifornimento. Questo consentirà ai Reparti Operativi di poter eseguire la missione di rifornimento in volo con i più elevati standard di sicurezza. Il receiver NE-3A della Nato si aggiunge ai velivoli già autorizzati come receiver dal KC-767A e permetterà all’Aeronautica Militare di rendere fruibile una fondamentale capacità operativa ad un numero sempre più ampio di velivoli dell’Alleanza Atlantica e non, assumendo un ruolo di primo piano nel contesto delle operazioni congiunte con le altre nazioni partner.