Airbus Boeing, sfida in Medioriente a colpi di commesse

Di Michela Della Maggesa

Airbus ha appena annunciato all’Airshow di Dubai un maxi accordo per 430 aerei a corridoio singolo, per un ammontare di quasi 50 miliardi di dollari. La maggiore commessa nella storia dell’aviazione commerciale ha ad oggetto il velivolo a corridoio singolo A320 in versione neo. Ad ordinare i velivoli la società di investimenti statunitense Indigo Partner, mentre ad utilizzare gli aeromobili saranno quattro vettori: Frontier Airlines, Volaris, Wizz Air e JetSmart, che comincerà le operazioni quest’anno in Cile.  In particolare, l’accordo comprende 273 A320neo e 157 A321neo. Jonh Leahy, a capo del commerciale di Airbus e prossimo al ritiro, ha definito questa transazione che corona la sua lunga carriera, “significativa”. L’accordo, arrivato a sorpresa, ha distolto l’attenzione dalla mancata firma per l’A380 (foto) da parte del maggior operatore dell’aeromobile, Emirates, da anni in attesa dello sviluppo di un A380 dotato di una nuova variante motore (neo). Ma questo, che in termini di ordini mette Airbus in una posizione di vantaggio sul rivale di sempre Boeing, non è l’unico accordo sottoscritto dal costruttore europeo a Dubai in queste ore ed altri potrebbero essere annunciati a breve.

Altri 90 A320neo sono stati infatti ordinati questa mattina da CDB Aviation, che ha confermato l’accordo di acquisto del 2014 per 45 A320neo e il MoU del 2017 per 30 A320neo e 15 A321neo.  Poco prima Golden Falcon Aviation, fornitore esclusivo di aeromobili di Wataniya Airways, aveva siglato una Lettera d’Intenti per 25 aeromobili della Famiglia A320neo. L’accordo è stato siglato da Hamad Al Tuwaijri, presidente di Golden Falcon Aviation, e dal coo clienti John Leahy, alla presenza di Ali Al Fouzan, presidente di Wataniya Airways. Il vettore ha ripreso le operazioni a luglio 2017 con una flotta di due A320ceo che servono diverse destinazioni in Medio Oriente e in Europa dal Kuwait. “Siamo impazienti di ammodernare e di ampliare ulteriormente la nostra flotta”, ha dichiarato Ali Al Fouzan. “Questo nuovo ordine è una dimostrazione della fiducia nei confronti del nostro aeromobile leader di mercato”, ha dichiarato Leahy. L’A321neo ha convinto anche Air Arabia che ha firmato un contratto di leasing con ALC per sei aeromobili in versione long range (LR). L’accordo con la compagnia emiratina ha un valore a prezzi di listino di oltre 2,79 miliardi di dollari.

Ma non è andata male nemmeno a Boeing, che ha annunciato la firma di diversi nuovi accordi per svariati miliardi di dollari, a cominciare da quello da 27 miliardi con il vettore flydubai per 225 737 MAX. Il costruttore americano aveva dominato la scena della prima giornata dell’Airshow, grazie al contratto, valutato 15 miliardi di dollari, per 40 B787-10 con Emirates. L’accordo con flydubai, che supera in valore e numeri il primo firmato dalla compagnia nel 2013 per 75 B737, comprende impegni per 175 aerei e diritti d’acquisto per altri 50 velivoli addizionali. Più di 50 dei primi aerei consegnati saranno MAX 10, ultimo membro della Famiglia. Boeing ha anche firmato oggi un accordo di leasing con la società irlandese AerCap per sei Dreamliner (787-9), che andranno alla compagnia di bandiera egiziana Egyptair.