, In Evidenza

“Siamo estremamente orgogliosi di essere stati selezionati dall’Esa per questo progetto, che rappresenta una nuova sfida per Thales Alenia Space”. Così Marc-Henri Serre, vice presidente esecutivo per le Telecomunicazioni di Thales Alenia Space, ha commentato la selezione da parte dell’Agenzia spaziale europea (Esa) dell’Alleanza europea per le antenne per lo spazio profondo (E-dsa²), formata da Thales Alenia Space (TAS), Schwartz-Hautmont e Mtex antenna technology, per la realizzazione della quarta antenna per le comunicazioni dallo spazio profondo alla nuova stazione di terra New Norcia, locata nei pressi di Perth, in Australia.

UN’ANTENNA PER LO SPAZIO PROFONDO

La stazione di terra ad alte prestazioni New Norcia fa parte della rete globale di stazioni di terra Estrack di Esa, e comprende un’antenna di oltre 600 tonnellate e utilizza attrezzature di punta, quali amplificatori ad alta potenza (HPA) da 20kW e amplificatori a basso rumore (LNA) criogenizzati a -260°. L’antenna di nuova generazione, lunga 35 metri, permetterà all’Esa di incrementare le sue capacità di comunicazione in banda X, K e Ka e di completare la sua rete di antenne per il monitoraggio dei veicoli spaziali e la raccolta dei dati scientifici dalle missioni nel sistema solare. New Norcia. Grazie a questa innovazione la stazione mira ad una efficienza ottica superiore al 90% e a una precisione di puntamento di 6 milligradi, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche.

IL SUCCESSO DEL CONSORZIO

Nel consorzio, Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), è il partner responsabile delle prestazioni complessive dell’antenna che entrerà in servizio nel 2024. Sarà anche responsabile dell’ingegneria di sistema, del sistema nel suo complesso, inclusi gli equipaggiamenti RF, di potenza e di raffreddamento. “Realizzare un consorzio con una forte connotazione europea per raggiungere l’eccellenza nel settore innovativo delle antenne per lo spazio profondo è stata la chiave per aggiudicarsi questo contratto – ha continuato Serre – con questo primo successo per il consorzio E-dsa² possiamo guardare avanti e posizionare questa alleanza a lungo termine nel mercato istituzionale e oltre”.

IL RUOLO DI THALES ALENIA SPACE

È la prima volta che Thales Alenia Space realizza questa nuova antenna per lo spazio profondo. La sfida consiste nel captare segnali estremamente deboli e rinviare segnali estremamente potenti, da e verso oggetti nello spazio lontano, per ricevere i dati scientifici e trasmettere istruzioni alle sonde di esplorazione. Thales Alenia Space si affiderà all’expertise di Thales in Australia per definire i termini del contratto di ingegneria civile e per supervisionarne l’esecuzione, e di Telespazio, joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%), responsabile a Malargue, in Argentina, della manutenzione di una delle tre antenne di cui Esa dispone nel mondo per le comunicazioni dallo spazio profondo.