De Giorgi passa il testimone dopo 3 anni intensi

Di Michela Della Maggesa

Avrà luogo domani a Palazzo Marina, alla presenza del  ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e del capo di stato maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, la cerimonia di avvicendamento al vertice della Marina militare tra l’ammiraglio di squadra, Giuseppe De Giorgi e l’ammiraglio di squadra Valter Girardelli.  Durante gli oltre tre anni di mandato dell’ammiraglio De Giorgi, la Marina militare ha condotto numerose operazioni, tra cui l’operazione Mare Nostrum, iniziata il 18 ottobre 2013, grazie alla quale sono state salvate più di  170.000 persone e dal 12 marzo 2015 è impegnata nell’Operazione Mare Sicuro, con il compito di svolgere attività di presenza, sorveglianza e sicurezza marittima nel Mediterraneo Centrale: oltre 172.000 i migranti recuperati dall’ inizio dell’ operazione.  

L’ammiraglio De Giorgi ha inoltre diretto l’operazione di soccorso al traghetto Norman Atlantic, oggi riconosciuto e studiato come case study, grazie alla quale sono statie salvate 427 persone. In questo periodo è stato introdotto il concetto “dual – use” dello strumento aero–navale, ovvero la capacità di impiegare prontamente le tecnologie e i mezzi della Marina militare sia per scopi militari che civili. Forte impulso anche verso l’ambiente, con il progetto “Flotta Verde” per individuare un combustibile navale alternativo a quello di origine petrolifera, per aumentare la sicurezza energetica nazionale e ridurre le emissioni inquinanti. Oggi  la Marina militare è la prima tra le Marine europee ad aver sperimentato con successo il “green diesel”, anche nel progetto di ammodernamento della flotta navale. Con le Leggi di Stabilità 2014 e 2015, nell’ambito del “Programma navale per la tutela delle capacità navali della Difesa” è stata assicurata la copertura finanziaria di circa la metà del fabbisogno per il rinnovamento della flotta in relazione alla quale è stata approvata la costruzione di 7 pattugliatori polivalenti d’altura – PPA, 1 unità anfibia multifunzionale tipo LHD, (Landing Helicopter Dock, cioè una nave portaelicotteri a bacino allagabile), 1 nave  logistica/rifornitrice di squadra (LSS, Logistic Support Ship);  2 mezzi minori UNPAV (Unità Navali Polivalente ad Altissima Velocità) per il Gruppo Operativo Subacquei  GOI del Comsubin.   

“Ai miei marinai lascio il messaggio di guardare al futuro con fiducia, il personale è sempre stato la nostra forza ed è l’arma decisiva della nostra forza armata. Il nostro personale, tutti gli ufficiali, i sottufficiali, i graduati devono avere il coraggio sempre di anteporre il bene della forza armata e il bene della nazione a tutto il resto, anche se questo può comportare difficoltà e dispiaceri talvolta, però nulla è peggio del rimpianto di non essersi comportati con onore e di non aver fatto il proprio dovere fino in fondo”. Ha dichiarato l’ammiraglio De Giorgi durante la Giornata della Marina, lo scorso 9 giugno. L’ammiraglio di Squadra Valter Girardelli  assumerà l’incarico al vertice della Marina militare dopo aver ricoperto, dal 10 marzo 2015 l’incarico di capo di Gabinetto del ministro della Difesa.