, In Evidenza

Questa mattina tutti i voli della United Airlines sono rimasti a terra per circa un’ora e dieci minuti a causa di un guasto informatico.
Attorno alle 7 del mattino la compagnia ha comunicato tramite Twitter di avere un problema di connettività dell’intera rete, scusandosi per l’inconveniente. Questo impedimento tecnico ha reso impossibile effettuare i check-in e anche monitorare i voli, costringendo di fatto 3.500 aerei a rimanere a terra. Per non interrompere completamente le operazioni di imbarco, i dipendenti dell’azienda hanno proceduto addirittura a compilare la documentazione a mano, e a etichettare i bagagli con carta e penna. Il fatto che il disservizio si sia verificato di primo mattino ha reso possibile limitare gli effetti sulla programmazione dell’intera giornata, ma lunghe file di passeggeri si sono formate ugualmente.
La United Airlines è la terza compagnia aerea degli Stati Uniti, e controlla all’incirca un 15% del mercato a stelle e strisce. Una disfunzione simile si era verificata il 2 giugno scorso, quando i voli erano rimasti bloccati meno di un’ora, e ancora prima nel corso del 2012, durante il cambio di sistema informatico che la United aveva effettuato a seguito della fusione con la Continental. In tutti i casi, le proteste della clientela non sono mancate. In mattinata, le azioni della United Continental Holdings Inc. hanno perso il 2% del loro valore.