, In Evidenza

“Ricordare, riflettere per realizzare”. Con questo messaggio il capo di stato maggiore della Marina Militare, ammiraglio Valter Girardelli, ha voluto sottolineare l’importanza della Rivista Marittima, che ha appena compiuto 150 anni. Il periodico della Marina Militare rappresenta infatti dal 1868 il punto di riferimento nazionale per esprimere il pensiero marittimo e navale del Paese.

“In un quadro strategico sempre più instabile, pervaso dal riacuirsi di frizioni che pensavamo superate e che investono il Mediterraneo, spazio di interesse nazionale, parlare di mare è un elemento fondamentale, anche per avvicinare la classe dirigente alle politiche marittime”. Il Mediterraneo – ha aggiunto il CSMM – è un mare chiuso, ma “sempre più aperto da un punto di vista geopolitico, dato che, anche a causa di eventi lontani, i confini oggi si sfumano”.

Nell’occasione, è stato ricordato che la dimensione marittima rappresenta anche un’opportunità di sviluppo e progresso per il Paese, a patto che la direzione congiunta del potere marittimo nazionale (Marina Militare, Mercantile, porti, ecc) possa svolgersi nella legalità. “Oggi più che mai il benessere e la sicurezza dei cittadini dipendono dalla dimensione marittima, che gioca un ruolo essenziale per tutta la collettività”.

Il traffico marittimo rappresenta infatti a livello mondiale il 90% del totale delle merci scambiate, raggiungendo il 60% del PIL. In tale contesto, in particolare per l’Italia, Paese a vocazione marittima per eccellenza, la protezione, la salvaguardia e il sostegno a tali interessi vitali costituisce l’impegno primario della Marina Militare nei compiti istituzionali.

Le celebrazioni della Rivista Marittima, la più antica d’Italia tra le riviste delle FFAA e tra le più antiche d’Europa, si sono svolte parallelamente al convegno “Geopolitica del mare”, che ha affrontato gli aspetti politico-economici e geo-strategici della marittimità italiana, temi questi contenuti nell’omonimo libro che la MM ha voluto pubblicare, unitamente ad un volume celebrativo sulla storia della Rivista Marittima.