A Leonardo contratto per protezione EFA britannici

Di Airpress online

Netma (Nato Eurofighter and Tornado Management Agency) e il consorzio Eurofighter hanno firmato un contratto per l’aggiornamento del sistema di protezione “Pretorian” dei velivoli Eurofighter del Regno Unito. Il contratto, della durata di due anni e del valore di 45 milioni di euro (40 milioni di sterline), prevede l’ammodernamento del sistema in linea con nuovi requisiti operativi della Royal Air Force. In particolare. La fornitura è di responsabilità di Leonardo, mentre l’attività di integrazione sarà effettuata da BAE Systems. I successivi test, saranno infine effettuati dal ministero della Difesa. L’accordo rientra nel quadro di un miglioramento continuo delle capacità operative di identificazione e contrasto delle minacce dei Typhoon britannici.

Il Praetorian Defensive Aids Sub System (DASS) è una suite elettronica di protezione, che include sensori e contromisure, installata sul Typhoon per difendere i jet da un’ampia gamma di minacce aeree e terrestri. Leonardo guida il consorzio EuroDASS (costituito da Leonardo, HENSOLDT, Elettronica e Indra) responsabile della fornitura del sistema Praetorian, sistema integrato sugli oltre 500 Eurofighter Typhoon consegnati fino a oggi. La componente principale dell’attività relativa al contratto sarà svolta da Leonardo a Luton, nel Regno Unito, dedicato ai sistemi di autoprotezione elettronica. L’integrazione e le certificazioni di idoneità al volo saranno portate avanti a Warton da BAE Systems, in qualità di prime contractor per i velivoli britannici. Ulteriori sviluppi tecnologici del caccia riguardano il radar, con Leonardo, a capo del consorzio EuroRADAR che sta sviluppando il sensore a scansione elettronica “Captor-E”. Il nuovo sistema AESA (Active Electronically Scanned Array) aumenterà le capacità del velivolo fornendo un campo visivo più ampio del 60%. Il Kuwait sarà il primo Paese a ricevere e ad operare il nuovo radar