, In Evidenza, Slider

La Space Alliance italo-francese approda in forze in Canada. Le due joint venture tra Leonardo e la transalpina Thales (Telespazio e Thales Alenia Space) hanno acquisito una partecipazione nella canadese NorthStar. L’obiettivo? Partecipare all’ambizioso progetto di lanciare in orbita 40 satelliti per monitorare l’ambiente terrestre e il near space, ovvero l’ambiente immediatamente esterno all’atmosfera, quello denso di migliaia di minacciosi detriti contro le infrastrutture spaziali.

IL PROGETTO DI NORTHSTAR

Con sede a Montreal, la NorthStar Earth and Space Inc. si occupa di servizi di informazione, tra cui rientra anche lo sviluppo di tale avanzato sistema satellitare. Il progetto è importante, anche perché lo space debris (così si chiama la spazzatura spaziale) rappresenta ormai un pericolo per tante attività nelle orbite terrestri. La Space situational awareness (Ssa) diventa così indispensabile. È la capacità di visualizzare, comprendere e mappare la posizione fisica di oggetti naturali e artificiali che orbitano attorno alla Terra.

GLI OBIETTIVI

Attualmente, nella sola orbita bassa gravitano più di 600mila oggetti, che espongono al rischio di collisione assetti spaziali da centinaia di miliardi di dollari. Nel frattempo, le tecnologie per l’Osservazione della Terra adoperate della maggior parte degli operatori satellitari si basano principalmente su soluzioni ottiche e radar. Attraverso sensori iperspettrali, in grado di identificare la composizione chimica e minerale della superficie terrestre, NorthStar fornirà prodotti informativi a valore aggiunto ai mercati dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca, della pianificazione urbana, dell’oil&gas, oltre che ai settori difesa e istituzionale.

IL RUOLO DELLA SPACE ALLIANCE

Telespazio e Thales Alenia Space hanno deciso di aderire a tutto questo, con un investimento, “parte di una prima tornata di finanziamenti, pubblici e privati”, da 52 milioni di dollari canadesi. La Space Alliance vuole così giocare un ruolo da protagonista nella Space Economy globale, fornendo a NorthStar soluzioni per la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione di una costellazione da 40 satelliti.

LE PAROLE DEI MANAGER

“NorthStar, con il supporto tecnologico, industriale e commerciale della Space Alliance, sarà in grado di offrire servizi sia di Space Situational Awareness che di Osservazione della Terra, equipaggiando i suoi satelliti con sensori iperspettrali e a infrarossi per osservare la Terra, e con sensori ottici per monitorare lo Spazio”, hanno spiegato in una nota Luigi Pasquali, amministratore delegato di Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%) e Jean Loïc Galle, presidente e ceo di Thales Alenia Space (Thales 67%, Leonardo 33%). “L’investimento in NorthStar – hanno aggiunto – è strategicamente in linea con l’offerta globale della Space Alliance e siamo convinti che questa soluzione porterà benefici ai nostri clienti e soddisferà loro esigenze prioritarie”. Da parte sua, il ceo di NorthStar Stewart Bain si è detto lieto di annunciare “questa importante partnership”. “La piattaforma di servizi di informazione di NorthStar – ha rimarcato – richiede una collaborazione internazionale e la Space Alliance porta alla nostra squadra una inestimabile esperienza commerciale e tecnica”.

NEL DETTAGLIO

Telespazio avrà un ruolo di primaria importanza nelle attività di sviluppo del business in Europa, sia per i segmenti Ssa che di Osservazione della Terra, e sarà responsabile della progettazione e sviluppo della piattaforma di servizi offerti ai clienti istituzionali e commerciali. Thales Alenia Space opererà principalmente nella progettazione e sviluppo dell’architettura di sistema e del segmento spaziale, incluse le piattaforme satellitari e i relativi payload. Insieme, Telespazio e Thales Alenia Space supporteranno Northstar nella progettazione, sviluppo, realizzazione e operatività dei sistemi e sottosistemi del segmento di terra.