Forze armate speciali nell’intelligence

Di Leonardo Ventura

Se il presidente del Consiglio lo riterrà necessario, chi fa parte dei reparti speciali delle Forze armate potrà essere chiamato a offrire il proprio contributo temporaneo e specifico nei ranghi dell’intelligence. La proposta è contenuta in un emendamento a firma dal senatore del Pd Nicola Latorre, che aggiunge dieci righe all’articolo 18 del disegno di legge sulle missioni internazionali all’estero. Una norma attesa da tempo da più fronti, perché inserisce una nuova e fondamentale freccia nell’arco dell’Italia nella lotta al jihadismo e nella salvaguardia della sicurezza nazionale in territori caldi come il Medio Oriente o la Libia.

Scarica qui l’articolo