Un piano nazionale cyber per la trasformazione digitale

Di Stefano Pioppi

“La rinnovata architettura istituzionale per la cyber sicurezza nazionale valorizza il percorso di collaborazione virtuosa attivato all’interno del Nucleo per la Sicurezza Cibernetica (Nsc), adesso a guida Dis”. Parola del direttore del servizio Polizia postale e delle comunicazioni Nunzia Ciardi sul recente Piano nazionale. “La condivisione di esperienze operative e approccio multi livello alla cyber minaccia permetterà la più completa sinergia, in particolare tra i mondi dell’Intelligence, della Pubblica Sicurezza e della Difesa”, ha aggiunto.

Secondo Roberto Baldoni, direttore del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del Cini, il documento è “un bel passo in avanti rispetto al precedente piano, con un’organizzazione più lineare e agile dell’architettura nazionale”. Tra i punti importanti, “la ridefinizione del Nsc – cuore del comando – all’interno di una struttura operativa come il Dis, i Cert unificati e il fondo di venture capital a supporto di start up che possano sviluppare tecnologia di interesse nazionale”. Può essere utile, ha detto a Cyber Affairs Baldoni, “anche per accelerare altri progetti di trasformazione digitale del Paese”.

Venerdì 15, a Roma, occhi puntati sul convegno con il ministro Roberta Pinotti organizzato dalla delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare Nato presieduta da Andrea Manciulli, e dal Centro Studi Americani diretto da Paolo Messa, e dedicato alla minaccia cyber. Parteciperanno il capo di Stato maggiore della Difesa Claudio Graziano, l’attaché legale dell’FBI presso l’Ambasciata Usa a Roma Kieran Ramsey, il direttore Europa e Nato di Lockheed Martin Luigi Piantadosi, il presidente di CMC Labs and Cys4 Marco Carrai, Andrea Campora di Leonardo e Sergio Jesi di Elettronica.

Intanto giovedì prossimo, si terrà a La Sapienza di Roma la premiazione della prima CyberChallenge.IT, rivolta a giovani dai 17 ai 22 anni, e organizzata dal Cis Sapienza e dal Laboratorio Nazionale Cybersecurity, in collaborazione con Cisco e IBM Italia.

Scarica qui l’articolo completo